Rosario

Rosario

Corda o anello

Si chiama corda fatta, di solito, di filo di lana o seta nero lavorato a maglia a nodi. È un aiuto alla preghiera per monaci, clero e laici della religione cristiana ortodossa. È più diffuso nell’area geografica che copre, l’Europa orientale e sudorientale. Simili aiuti alla preghiera per monaci o laici esistono in altre religioni e tradizioni, conosciute con altri nomi.

Il rosario nella Chiesa ortodossa

Il rosario che hanno tutti i monaci ortodossi e che viene utilizzato anche da molti laici ortodossi, è solitamente di lana e intrecciato di varie dimensioni. Da molto piccoli, indossati al dito, a molto grandi: 33ari (con 33 nodi), 50ari (con 50 nodi), 100ari, 500ari ecc.

Secondo la tradizione, San Pacomio nel 320 dC fondò con l’aiuto di Sant’Antonio il primo monastero a Tebe in Egitto. Cominciò a cercare un modo per aiutare i monaci a concentrare le loro preghiere ea contare i loro desideri. Secondo la tradizione, l’Arcangelo Gabriele visitò San Pacomio nel sonno e gli mostrò come realizzare lo strumento che servisse ai bisogni della preghiera. Questo strumento era il rosario.

Nella preghiera con il rosario, che aiuta molto nella concentrazione della mente, si segue un metodo tecnico specifico. Ad ogni nodo che passa tra le sue dita, l’orante pronuncia successivamente gli auguri: Signore Gesù Cristo, abbi pietà del peccatore, Santissima Theotokos, salvaci, Santi di Dio, che ci hai difeso. Si può dire solo l’augurio che Signore Gesù Cristo abbia pietà del peccatore. Il rosario è pensato per la preghiera, non per fungere da braccialetto al polso.

Simbolismo

Nel rosario, ogni sua parte ha un significato simbolico. È tessuto principalmente di lana per ricordare ai membri della Chiesa che sono le pecore razionali di Gesù Cristo (Giovanni 10:11). Ha un colore nero che simboleggia il lutto dei peccati poiché «nessuno è senza peccato» (cfr 3 Re 8,46; Gb 4,17; Rm 3,9-12, ecc.). Il rosario porta la croce su di esso per ricordarci «che Cristo è morto per noi peccatori» (Rm 5, 8). Di solito il rosario termina con un fiocco il cui scopo è quello di asciugare le lacrime (“in lacrime ho bagnato i miei piedi” Lc 7,44). I 33 nodi simboleggiano gli anni di Gesù Cristo, i 99 nodi sono i 33 moltiplicati per il numero delle tre Persone della Santissima Trinità, e ogni nodo è composto da 9 croci intrecciate, che simboleggiano i nove ordini di angeli. Tuttavia, mentre il numero di croci che compongono ogni nodo rimane sempre costante, il numero di nodi che compongono il rosario dipende dal numero di preghiere per le quali verrà utilizzato. Sebbene nella sua forma classica il rosario sia di lana nera, va notato che esistono rosari di altri materiali oltre alla lana, ad es. acrilici e vari colori.

Uso

È usato come “strumento di preghiera” quando contiamo un nodo ogni volta che viene detta una preghiera (di solito un breve augurio). In questo modo è possibile controllare il numero di ripetizioni o il passare del tempo. Alcuni rosari hanno perline ogni 33, 50 o 100 nodi. Ogni volta che si misura un grano, la persona che prega fa qualcos’altro, il punto della croce, il “pentimento” o cambia la forma della preghiera. Non è ritenuto necessario, ma è un aiuto facoltativo. Coloro che si sono avvicinati al Volere di Gesù lo considerano non necessario, ma ne riconoscono l’utilità da coloro che sono appena agli inizi. Lo scopo principale del rosario è di aiutarci nella nostra preghiera a Dio e ai suoi santi. Oltre a fungere da costante promemoria e benedizione esteriore, come può questo piccolo rosario aiutarci a pregare? Certo, possiamo pregare senza di essa, e talvolta può anche distrarci dal cercare di concentrarci sulla preghiera. Con questo in mente, diamo un’occhiata ad alcuni dei modi in cui il rosario ci aiuta.

A volte la nostra preghiera è calda ed è facile per noi pregare. Ma a volte le nostre menti sono così disperse o siamo così disturbati o così distratti che è praticamente impossibile per noi concentrarci sulla preghiera. Ciò è particolarmente vero quando cerchiamo di seguire una regola di preghiera quotidiana. Alcuni giorni vanno bene, ma a volte la maggior parte delle volte i nostri sforzi sembrano quasi vani. Ma poiché, come si suol dire, siamo esseri abitudinari, è molto utile fissare un’ora del giorno specifica e regolare per la preghiera. L’orario serale (non troppo tardi) prima di coricarsi è buono, perché è importante concludere la giornata con la preghiera. Al mattino, svegliandosi, è bene anche iniziare il nuovo giorno con la preghiera. Si possono ancora trovare altre ore della giornata in cui calmarsi e concentrarsi.

Il nostro sforzo è di stabilire la preghiera come una regola nella nostra vita, non come un’eccezione. In questo cerchiamo di trovare un momento in cui ogni giorno possiamo avere un po’ di pace, in modo da poterci concentrare e rivolgere gli occhi della nostra anima a Dio. Come parte di questa regola potremmo voler leggere alcune preghiere da una stanza di preghiera o pregare e trovare la pace della mente in altri modi, ad esempio leggendo testi religiosi o ripassando gli eventi del giorno passato e così via. Ma il modo più efficace per beneficiare della regola della preghiera è recitare regolarmente la preghiera di Gesù (Signore Gesù Cristo, abbi pietà di me) su base regolare. Questo numero non deve essere grande e può richiedere solo circa quindici minuti. Ma questa sarà la parte della nostra giornata che appartiene a Dio, i pochi granelli di sale che assaggeranno tutta la nostra vita spirituale. Molti medici oggi raccomandano questa pratica per il bene della salute fisica, soprattutto per superare lo stress. Ancora meglio, troviamo nel corso della giornata diversi intervalli così brevi e riempiamoli regolarmente dei preziosi tesori della preghiera, che nessuno può rubare e che sono salvati per noi in Cielo.

Se vuoi mantenere un numero fisso di preghiere come parte della regola quotidiana, sarai molto aiutato dal rosario. Con questo puoi dire un certo numero di preghiere e concentrarti sulle parole della preghiera mentre la dici. Dopo esserti concentrato, prendi il rosario con la mano sinistra e tienilo leggermente tra il pollice e l’indice. Poi facendo sussurrare alla tua Croce sottovoce il desiderio di Gesù. Man mano che i tuoi pensieri diventano sempre più concentrati, potresti non aver bisogno di continuare a crocifiggerti o di dire la preghiera ad alta voce. Ma quando hai difficoltà a concentrarti, usa il segno della croce e il sussurro come strumenti per aiutarti a mantenere la mente sulla preghiera.

È bene stare con la testa china in una posizione umile. Alcuni vogliono alzare la mano di tanto in tanto, chiedendo pietà. Altri, invece, trovano più utile sedersi o inginocchiarsi con la testa china in modo da potersi concentrare. Molto dipende dall’individuo stesso, dalla sua salute e dalla sua educazione. La cosa più importante è rimanere fermi e concentrarsi sulle parole della preghiera mentre la ripeti. Naturalmente, bisogna resistere alla tentazione di correre. Per questo alcuni al posto del rosario usano un orologio come misuratore esterno della loro durata di preghiera regolando di conseguenza la sveglia.Utilizzando l’orologio si può dedicare un tempo prestabilito alla preghiera, senza contare il numero esatto delle preghiere.

Il rosario è anche un modo conveniente per misurare i piccoli o grandi “pentiti” (inginocchiarsi) che si fanno nella propria regola. Fare il segno della croce e poi chinarsi e toccare il suolo con le dita o inginocchiarsi e appoggiare la fronte a terra è un modo antico di pregare Dio ei suoi santi. Si possono combinare queste piccole o grandi penitenze con il desiderio di Gesù o con le brevi preghiere di cui abbiamo parlato prima. Il movimento corporeo di piccolo o grande “pentimento” (leggero o profondo, cioè terreno, inginocchiato) può contribuire al calore della preghiera e dare un’espressione esteriore alla nostra supplica mentre ci umiliamo davanti a Dio. È un altro modo di applicare il comando apostolico di glorificare Dio con la nostra anima e con il nostro corpo.

Molte persone usano il rosario quando si ritirano per dormire. Si incrociano sul letto, prendono il rosario, si fanno il segno della croce, si sdraiano e dicono l’augurio piano piano, finché non si addormentano. Svegliarsi con il rosario tra le dita o accanto al cuscino ti aiuta ad iniziare il nuovo giorno con la preghiera. Ma concludere il giorno precedente con una tranquilla preghiera è un modo ancora migliore per prepararci a un inizio orante del nuovo giorno, per non parlare della preparazione per il Giorno Eterno, nel caso in cui ci addormentiamo quella notte. Altri ancora prendono in mano il rosario nei momenti di inattività, come quando vanno al lavoro o in viaggio. In ogni momento della giornata che ricordi, prendi in mano un piccolo rosario. Combinare questo movimento con la preghiera che fai in altri momenti ti aiuterà a concentrarti e pregare alcune volte durante la giornata, ovunque tu sia e qualunque cosa tu faccia. Questo è un passo importante per adempiere al comando di pregare incessantemente.

San Vescovo Ignatius Brianjaninov dice che i lunghi servizi della Chiesa sono una buona occasione per pregare con il rosario. Spesso è difficile concentrarsi sulle parole che vengono lette o cantate nel Santo Tempio ed è più facile concentrarsi con calma sulle proprie preghiere, siano esse improvvisate, legate a un bisogno speciale, o preghiere e inni che si conoscono dal all’esterno, o brevi preghiere soprattutto l’augurio di Gesù ripetuto con l’aiuto del rosario. In pratica in questo modo ci si può concentrare meglio nella stessa Santa Comunione, come dice san Serafino di Sarov. Certo, quando preghiamo nelle Sante Comunioni, la nostra preghiera si unisce alla preghiera di tutta la Chiesa.

La nostra mente è costantemente occupata da vari pensieri. Non abbiamo tempo per iniziare a pregare e prendiamo subito la mente a pensare ad altro. E in questo caso la presenza del rosario sulle nostre dita può aiutarci a tenere la mente e tornare più velocemente al lavoro di preghiera. Inoltre, quando incontriamo un segno di perline o la Croce del Rosario, muovendo i suoi nodi con le dita, capiamo se la nostra mente non ha prestato attenzione alle preghiere che intendevamo fare. Pertanto, possiamo offrire di nuovo le nostre preghiere senza impegnarci in pensieri su quanto facilmente siamo distratti dalla nostra preghiera a Dio. Qui abbiamo fatto riferimento alla grande scienza della preghiera, quella che i Santi Padri chiamavano l’arte delle arti. Esiste un’ampia e ricca letteratura dei grandi uomini di preghiera di tutti i tempi, che possono aiutarci e guidarci nell’apprendimento, con l’aiuto di Dio, della più grande e più utile di tutte le scienze. La lettura regolare della Bibbia, delle Vite dei santi e di altri testi religiosi e spirituali può essere di grande aiuto. Libri come “Filokalia” contengono consigli e istruzioni ottimi e stimolanti per imparare a pregare come cristiano, perché la preghiera è un elemento essenziale dell’essere cristiano. Soprattutto, però, abbiamo bisogno della grazia di Dio nella Chiesa, specialmente attraverso la Santa Confessione e la Comunione degli Eterni Misteri. Questi sono solo alcuni pensieri introduttivi su come sfruttare al meglio il rosario. Ma la cosa più importante è iniziare a pregare. Il rosario non si prega da solo, anche se alcuni sono così belli da poter dare questa impressione. È naturalmente un importante aiuto tradizionale per la nostra preghiera e soprattutto per una regola di preghiera quotidiana. Ma la chiave è concentrarsi sulle parole della preghiera e offrire preghiere sincere a Gesù Cristo, nostro Signore e Dio. Se questo piccolo rosario ti aiuta a dire una preghiera o ti ricorda di pregare o ti aiuta in qualche modo a diventare più orante, allora ha raggiunto il suo scopo. Ti ha legato sempre più a Cristo, nostro Dio, e ti ha avvicinato al Regno di Dio, perché il Regno di Dio è dentro di te.

Ragioni di p. Paisiou sul rosario.


ANZIANO PAISIOS: “IL KOMBOSHONI È L’ARMA AUTOMATICA DI OGNI CRISTIANO CONTRO IL DIAVOLO!”

– Anziano, qual è il significato del rosario?

– Il rosario è un’eredità, una benedizione, lasciataci dai nostri Santi Padri. E solo per questo ha un grande valore. Vedete, il nonno di qualcuno lascia in eredità una cosa insignificante e poi ce l’ha come amuleto, figuriamoci il rosario che i Santi Padri ci hanno lasciato in eredità!

Un tempo, quando non c’erano gli orologi, i monaci contavano il tempo della preghiera con il rosario, ma i nodi del rosario erano semplici. Un tempo un asceta faceva tante lotte, tante penitenze, ecc. , e il diavolo andò e sciolse i nodi del suo rosario. Il pover’uomo l’ha fatto – si è pentito e siamo partiti, perché non poteva contarli, poiché il diavolo scioglieva costantemente i suoi nodi. Allora apparve un angelo del Signore e gli insegnò a fare i nodi, in modo che in ogni nodo si formassero nove croci. Il diavolo dopo, che trema alla croce, non riuscì a risolverli. Così ogni nodo del rosario ha nove croci, che simboleggiano i nove ordini degli angeli.

– Anziano, cosa significano i trentatré, i cinquanta, i cento ei trecento nodi che hanno i rosari?

– Solo il numero trentatré è simbolico – simboleggia i trentatré anni che Cristo visse sulla terra. Gli altri numeri ci aiutano solo a contare le penitenze che facciamo o quante volte diciamo il desiderio.

Alcune macchine hanno una fune con una maniglia sul bordo e, quando vuoi spingerle in avanti, a volte tiri la fune con forza, fino a quando gli oli pneumatici si scongelano. Quindi il rosario è la corda che tiriamo una volta – due – cinque – dieci volte e gli oli spirituali si scongelano e la macchina spirituale della preghiera incessante si avvia, quindi il cuore lavora da solo nella preghiera. Ma, anche quando il cuore va al desiderio, ancora una volta non dobbiamo togliere il rosario, per non motivare altri a rimuoverlo, mentre il loro cuore non si è ancora mosso al desiderio.

– Quando, anziano, tengo il mio rosario e dico il desiderio meccanicamente, c’è un pericolo per l’umanità?

– Se fai un rosario esternamente con l’umanità, anche se ti sbuccia le mani, non ti gioverà affatto. Solo la fatica ti darà l’illusione di essere presumibilmente impegnato nella preghiera mentale.

– Anziano, non sono abituato a tenere un rosario.

– Tieni il rosario, per non dimenticare l’augurio, che devi lavorare interiormente, nel cuore. Infatti, quando esci dalla tua cella, ricorda che il nemico è pronto per attaccare. Quindi, per imitare il buon soldato che, uscendo dalla mitragliatrice, ha sempre “in mano” l’arma automatica. Il rosario ha un grande potere ˙ è l’arma del monaco ei nodi sono proiettili, che mietono i cuscinetti.

Dal libro: “ANZIANO PAISIOS AGIORETOS, MOTIVI z – SULLA PREGHIERA”
OSPEDALE SANTO “EVANGELISTIS IOANNIS IL TEOLOGO”, SOUROTI SALONICCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses cookies to offer you a better browsing experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.