Anziano Paisios: La vita dopo la morte

anziano Paisios

Anziano Paisios del Monte Athos

Gli imputati sono morti
– Anziano, quando una persona muore, si sente subito in che condizione si trova?
– Sì, si riunisce e dice “che cosa ho fatto?”, Ma questo non aiuta. Come un ubriacone, se uccide ad es. sua madre, ride, canta, perché non capisce cosa ha fatto, e quando si ubriaca piange e puzza e dice “che cosa ho fatto?”, quindi chi fa casino in questa vita è come ubriaco . Non capiscono cosa stanno facendo, non si sentono in colpa. Ma quando muoiono, allora questa ubriachezza scompare e si uniscono. Apre gli occhi della loro anima e sentono la loro colpa, perché l’anima, quando lascia il corpo, si muove, vede, percepisce con una velocità inimmaginabile…

Alcuni chiedono quando avverrà la Seconda Venuta. Per l’uomo che muore, invece, la Seconda Venuta avviene in un certo modo, perché si giudica secondo la situazione in cui la morte lo trova.
– Anziano, come diavolo stanno?
– Sono detenuti, prigionieri, che vengono torturati per i peccati che hanno commesso e aspettano il processo finale, il futuro Giudizio. Ci sono multe pesanti, ci sono anche imputati con sentenze più leggere.
– Sia i Santi che il ladro?
– I Santi e il ladrone sono in Paradiso, ma non hanno ricevuto la gloria perfetta, così come lo sono gli ipocriti all’inferno, ma non hanno ricevuto la condanna perfetta. Dio, mentre ha detto per tanti secoli: “Pentitevi, perché il regno dei cieli è vicino”, sta prolungando il tempo perché aspetta che siamo corretti. Ma noi, rimanendo nelle nostre disgrazie, tortiamo i Santi, perché non possono ricevere la gloria perfetta, che riceveranno dopo il Giudizio imminente.

La preghiera e i memoriali per i defunti
– Anziano, i morti possono pregare?
– Tornano in sé e chiedono aiuto, ma non possono aiutare se stessi. Chi è all’Inferno desidererebbe una sola cosa da Cristo: vivere cinque minuti, pentirsi. Noi che viviamo abbiamo spazio per il pentimento, mentre i poveri che si sono addormentati non possono più migliorare da soli la loro situazione, ma si aspettano da noi un aiuto. Ecco perché abbiamo il dovere di aiutarli con le nostre preghiere.
Il calcolo mi dice che solo il dieci per cento dei morti sono in uno stato demoniaco e, dove si trovano, maledicono Dio, come i demoni. Non chiedono aiuto, ma non accettano aiuto. Perché, cosa può fare Dio per loro? Come un bambino che si allontana dal padre, spreca tutti i suoi beni e maledice il padre dall’alto. Ebbene, cosa può fare suo padre? Ma gli altri imputati, che hanno poco rispetto di sé, si sentono in colpa, si pentono e soffrono per i loro peccati. Chiedono aiuto e sono aiutati positivamente con le preghiere dei fedeli. In altre parole, Dio dà loro l’opportunità, ora che sono sotto prova, di aiutare fino al momento della Seconda Venuta. E come in questa vita, se uno è amico del re, si può intercedere e aiutare uno scagnozzo, così se uno è “amico” di Dio, si può intercedere presso Dio con la sua preghiera e portarli morti prigionieri da uno” carcere” a un altro migliore, da un “centro di detenzione” a un altro migliore. Oppure può portarli in una “stanza” o in un “appartamento”.
Mentre solleviamo i prigionieri con bibite, ecc. a cui andiamo, così confortiamo i morti con le preghiere e le elemosine che facciamo per le loro anime. Le preghiere dei vivi per le persone in lutto e le funzioni commemorative sono l’ultima opportunità che Dio offre alle persone in lutto per aiutare, fino al giudizio finale. Dopo il processo, non saranno più in grado di aiutare.
Dio vuole aiutare coloro che si sono addormentati, perché soffre per la loro salvezza, ma non lo fa, perché ha nobiltà. Non vuole dare al diavolo il diritto di dire: “Come lo salvi quando non è stanco?”. Ma quando preghiamo per i morti, gli diamo il diritto di intervenire. Dio, infatti, si commuove più quando preghiamo per i morti che per i vivi.
Per questo la nostra Chiesa ha le capanne, i memoriali. I memoriali sono il miglior difensore delle anime dei morti. Hanno anche la capacità di portare l’anima fuori dall’inferno. E tu in ogni Divina Liturgia a leggere una capanna per i dormienti. Il grano ha senso. “È seminato nella corruzione, è allevato nell’incorruttibilità”, dice la Bibbia. Alcune persone nel mondo si annoiano a bollire del grano e ad andare in chiesa uvetta, biscotti con gocce di cioccolato, biscotti, per far leggere i sacerdoti. E vedi, là sul monte Athos, alcuni vecchi, poveri in ogni Divina Liturgia, fanno una capanna sia per i dormienti, sia per il Santo che festeggia, perché abbiano la sua benedizione.
Anziano, coloro che sono morti di recente hanno un bisogno maggiore di preghiera?
– Em, quando qualcuno va in galera, all’inizio non è più difficile? Preghiamo per coloro che si sono addormentati e non hanno gradito Dio, perché Dio faccia qualcosa anche per loro. Soprattutto quando sappiamo che qualcuno era crudele – voglio dire, sembrava crudele, perché potremmo pensare che fosse crudele, ma in realtà non lo era – e ha avuto anche una vita peccaminosa, allora dovremmo pregare molto, Divina Liturgie , Quaranta liturgie per la sua anima e per fare l’elemosina ai poveri per la salvezza della sua anima, perché i poveri vogliano «santificare le sue ossa», perché Dio si chini e abbia pietà di lui. Quindi quello che non ha fatto, lo facciamo per lui. Mentre era un uomo che aveva gentilezza, anche se la sua vita non era buona, perché era di buon umore, con una piccola preghiera è molto aiutato.
Ho in mente fatti che testimoniano quanto le persone che dormono siano aiutate dalla preghiera delle persone spirituali. Qualcuno venne da Kalyvi e mi disse tra le lacrime: “Anziano, non ho pregato per qualcuno che sapevo che dormiva e si è presentato a me nel sonno. “Venti giorni, mi ha detto, devi aiutarmi, mi hai dimenticato e io soffro”. Anzi, mi dice, per venti giorni l’avevo dimenticato con varie preoccupazioni e non pregavo nemmeno per me stesso».
– Quando, anziano, qualcuno muore e ci viene chiesto di pregare per lui, è bene fare un rosario ogni giorno fino ai quarant’anni?
– Se gli fai un rosario, metti altre persone addormentate. Perché prendere un treno fino a destinazione con un solo passeggero, mentre può ospitarne altri? Quante persone assonnate hanno bisogno dei poveri e chiedono aiuto e non hanno nessuno che preghi per loro!
Alcune persone occasionalmente tengono un servizio funebre solo per qualcuno di loro. In questo modo nemmeno i loro vengono aiutati, perché la loro preghiera non è così gradita a Dio. Avendo fatto tante commemorazioni per lui, lo facciano insieme per gli stranieri.
Anziano, a volte sono preoccupato per la salvezza di mio padre, perché non aveva nulla a che fare con la Chiesa.
– Non conosci il giudizio di Dio all’ultimo momento. Quando ti interessa? Ogni sabato;
– Non ho partecipato, ma perché sabato?
– Perché in questo giorno ne hanno diritto i dormienti.
Anziano, i morti che non hanno persone che pregano per loro sono aiutati dalle preghiere di coloro che generalmente pregano per i morti?
– E ovviamente aiutano. Quando prego per tutti coloro che si sono addormentati, vedo nel sonno i miei genitori, perché si riposano dalla preghiera che faccio. Ogni volta che ho una Divina Liturgia, faccio un servizio commemorativo generale per tutti coloro che si sono addormentati e auguro ai re, ai sommi sacerdoti, ecc. e alla fine dico “ea favore del quale non si fecero i nomi”. Se non esprimo mai un desiderio per il defunto, presenta davanti a me il famoso defunto. Un mio parente, che era stato ucciso in guerra, lo vidi davanti a me dopo la Divina Liturgia, al momento della funzione commemorativa, perché non lo avevo scritto per intero con i nomi dei defunti, perché è stato menzionato in Proskomidi con i caduti eroicamente. E voi nella Santa Intenzione di non menzionare solo i nomi dei malati, ma anche i nomi dei defunti, perché i defunti hanno un bisogno maggiore.

Il miglior memoriale per il lutto
Il meglio di tutti i memoriali che possiamo fare per le persone in lutto è la nostra vita attenta, la lotta che faremo, per tagliare i nostri difetti e illuminare la nostra anima. Perché la nostra libertà dalle cose materiali e dalle passioni mentali, oltre al nostro stesso sollievo, si traduce anche nel sollievo dei bisnonni addormentati di tutta la nostra generazione. Chi è in lutto prova gioia quando un discendente è vicino a Dio. Se non siamo in un buono stato spirituale, i nostri genitori addormentati, nostro nonno, il nostro bisnonno, tutte le generazioni soffrono. “Guarda che discendenti abbiamo fatto!”, dicono e sono sconvolti. Ma se siamo in un buono stato spirituale, loro si rallegrano, perché anche loro sono diventati complici di nascere e Dio è in qualche modo obbligato ad aiutarli. Cioè, ciò che darà gioia a coloro che si sono addormentati è sforzarsi di piacere a Dio con la nostra vita, così che possiamo incontrarli in Paradiso e vivere insieme nella vita eterna.
Pertanto, vale la pena picchiare il nostro vecchio, affinché diventi nuovo e non faccia più del male a se stesso o agli altri, ma aiuti se stesso e gli altri, vivi o addormentati.

La parsimonia dei giusti verso Dio
Anziano, nella tua Lettera ai Principianti scrivi: “Sebbene i veri monaci comprendano che ciò che godono in questa vita fa parte della gioia del Paradiso e che in Paradiso lo sarà di più, tuttavia per grande amore del prossimo vogliono vivere sulla terra, per aiutare le persone con la preghiera, affinché Dio intervenga e aiuti il mondo”.
– Scrivi: “Vogliono vivere sulla terra, simpatizzare con le persone e aiutarle con la preghiera”.
– Nella prossima vita, anziano, un monaco retto non aiuterà di nuovo le persone con la sua preghiera?
– E nella prossima vita aiuterà con la sua preghiera, ma non soffrirà, mentre ora simpatizza e non passa felice qui, “con la faccia felice e lo sguardo luminoso”! Ma più soffre per il prossimo, più è ricompensato con la consolazione divina, e questa è in qualche modo l’informazione che l’altro viene aiutato. Questa gioia celeste è la ricompensa divina per il dolore che prova per suo fratello.
– Cioè, Anziano, i Santi che invochiamo per aiutarci non simpatizzano con noi?
– Non c’è dolore lì, trova mio figlio! Soffrono in paradiso? “Non c’è dolore, nessun dolore, nessun sospiro”, dice.
Allora i Santi hanno in mente la ricompensa divina che riceverà da coloro che sono tormentati in questa vita e questo li fa rallegrare. Ma come può Dio stesso, che ha tanto amore, tanta misericordia, sopportare questo grande dolore delle persone? Persevera, perché ha in mente la ricompensa divina che li attende. In altre parole, più persone vengono torturate qui, più un salario celeste le salva lì. Anche se non li vediamo e compatiamo con coloro che soffrono. Ecco perché quando se ne vedono un po’ e si ha in mente la ricompensa che riceveranno, non si soffre così tanto.
– Quando, anziano, chiediamo a Dio di aiutare una persona addormentata che non ha bisogno, questa preghiera è persa?
– Come perdersi? Quando si dice “lo hanno riposato” e si trova in una buona posizione nell’altra vita, non è frainteso, è ugualmente commosso. “Guarda, dice, io sono in una buona posizione e loro sono in ansia”, quindi è onorato e ci aiuta di più, invocando Dio per noi. Ma come fai a sapere in cosa si trova l’altra persona? Normalmente esprimi un desiderio prima a coloro che sai che con la loro vita hanno addolorato Dio e desideri altri casi simili e poi a tutti coloro che si sono addormentati.

La crisi futura
– Anziano, come si purifica l’anima?
– Quando l’uomo esegue i comandi di Dio. opera in se stesso ed è purificato dalle passioni, quindi la mente è illuminata, raggiunge l’altezza della teoria e l’anima è illuminata e diventa com’era prima della caduta dei Protoplasti. Sarà in tale stato dopo la risurrezione dei morti. Ma l’uomo può vedere la risurrezione della sua anima prima della risurrezione comune, se è completamente purificato dalle passioni. Il suo corpo sarà quindi angelico, immateriale e non si preoccuperà del cibo materiale.
– Anziano, come avverrà il futuro Giudizio?
– Nel prossimo Giudizio, la situazione di ogni essere umano si rivelerà in un istante e ognuno da solo tirerà per dove si trova. Ognuno vedrà in TV la propria merda e lo stato mentale dell’altro. Si rispecchierà all’altro, chinerà il capo e andrà al suo posto. Non sarà in grado di es. per dire una sposa seduta davanti a sua suocera a gambe incrociate e sua suocera con una gamba rotta che si prende cura del nipote: “perché, Cristo mio, metti mia suocera in Paradiso e non mi metti tu?”, perché quella scena le verrà prima. Ricorderà sua suocera che si è alzata in piedi con una gamba rotta e si è presa cura di suo nipote e non avrà il coraggio di andare in paradiso, ma nemmeno si adatterà al paradiso. Oppure i monaci vedranno quali difficoltà, quali prove hanno avuto le persone del mondo e come le hanno affrontate e, se non hanno vissuto adeguatamente, chineranno il capo e si tireranno dove saranno.
Le monache, che non sono piaciute a Dio, vedranno lì, madri eroiche, che non hanno fatto promesse, né hanno avuto benedizioni e opportunità proprie, come hanno lottato e in quale stato spirituale hanno raggiunto, e quelle, monache, che meschinità hanno affrontato e sono stati torturati, e si vergogneranno! È così che il calcolo mi dice che la Crisi avverrà. In altre parole, Cristo non dirà: “Vieni qui, che hai fatto?” o “andrai all’inferno, tu in paradiso”, ma tutti si confronteranno e tireranno per dove saranno.

La vita futura
– Anziano, ho portato dei dolci per curarti.
– Guarda come sono felici! Nella prossima vita diremo: “Come ci siamo rallegrati scioccamente! Cosa ci ha commosso allora!” Mentre ora il cuore fa schermaglie per loro.
– Anziano, come lo capiremo d’ora in poi?
– Se lo capisci ora, non lo dirai il giorno dopo nella prossima vita. Tuttavia, quelli lassù si stanno divertendo. Sai che mestiere fanno lì in paradiso? Continuano a lodare Dio.
– Anziano, perché il corpo dei morti è chiamato “reliquia”?
– Perché è ciò che resta qui sulla terra dell’uomo dopo la morte. L’uomo principale, che è l’anima, parte per il paradiso. Nel giudizio futuro Dio e il corpo risorgeranno, affinché l’uomo sia giudicato da questo, perché con questo ha vissuto e ha peccato. Nella prossima vita tutti avranno lo stesso corpo – corpo spirituale -, la stessa statura, i bassi e gli alti, la stessa età, i giovani e gli anziani ei bambini, poiché l’anima è la stessa. In altre parole, ci sarà un’era angelica.
Anziano, nella prossima vita coloro che sono all’Inferno vedranno coloro che sono in Paradiso?
– Guarda, come quelli che sono fuori di notte al buio vedono quelli che sono in una stanza illuminata, così quelli che sono all’inferno vedranno quelli che sono in Paradiso. E quello sarà più un inferno. Proprio come coloro che sono nella luce di notte non vedono coloro che sono al buio, così coloro che sono in Paradiso non vedranno coloro che sono all’inferno. Perché, se vedessero i dannati, soffrirebbero, sarebbero tristi per la loro sofferenza, e non godrebbero del Paradiso, ma lì “non c’è dolore…”. E non solo non li vedranno, ma non ricorderanno se avevano un fratello o un padre o una madre, se non sono in Paradiso. “In quel giorno tutte le sue meditazioni sono perdute”, dice il Salmista. Perché, se vengono ricordati, come sarà il Paradiso? Infatti chi sarà in Paradiso penserà che non ci saranno altre persone, né si ricorderà dei peccati che ha commesso. Perché, se ricordano i loro peccati, non potranno sopportare il pensiero di contristare Dio.
Anche in questo caso, la quantità di gioia di tutti in Paradiso sarà diversa. Un altro avrà un ditale di gioia, un altro un bicchiere, un altro un intero serbatoio. Ma tutti si sentiranno completi e nessuno conoscerà la grandezza della gioia, della gioia, dell’altro. Il buon Dio li ha disposti così, perché, se uno sapesse che l’altro ha più gioia, allora non sarebbe il Paradiso, perché ci sarebbe “perché lui dovrebbe avere più gioia e io meno?”. Cioè, ognuno vedrà in Paradiso la gloria di Dio secondo la purezza degli occhi della sua anima. Ma la visibilità non sarà determinata da Dio, ma dipenderà dalla sua stessa purezza.
Anziano, alcuni non credono che esistano l’inferno e il paradiso.
– Non credono che ci sia l’inferno e il paradiso? Come è possibile che i morti rimangano nella non esistenza, poiché sono anime? Dio è immortale e l’uomo è immortale per grazia. Perciò sarà immortale all’inferno. Dopo il Paradiso e l’Inferno la nostra anima li vive in misura e da questa vita, a seconda della situazione in cui si trova. Quando si ha rimorsi di coscienza e si prova paura, agitazione, ansia, disperazione, o si è posseduti dall’odio, dall’invidia, ecc., allora si vive l’inferno. Invece, quando in lui c’è amore, gioia, pace, mansuetudine, gentilezza, ecc., allora vive in Paradiso. L’intera base è l’anima, perché è quella che prova sia la gioia che il dolore. Sì, vai da una persona morta e digli le cose più piacevoli, ad es. “Tuo fratello è venuto dall’America” ecc., non capirà nulla. Se gli rompi braccia e gambe, non capirà più. Perciò l’anima è dove sente. Tutto questo non li infastidisce? Oppure, diciamo, vedi un sogno bello, piacevole, ti rallegri, il tuo cuore batte dolcemente e non vuoi che finisca. Ti svegli e sei sconvolto, perché ti sei svegliato. O vedi un brutto sogno, che sei caduto ad es. e ti sei rotto le gambe, e soffri, piangi. Dalla tua agonia ti svegli con le lacrime agli occhi, vedi che non hai sofferto niente e dici: “Per fortuna è stato un sogno!”. Cioè, l’anima partecipa. Si soffre di un brutto sogno più che nella realtà, così come il malato soffre più di notte che di giorno. Quindi anche quando l’uomo muore, se va all’inferno, sarà più doloroso. Immagina di vivere un incubo eterno e di essere tormentato per sempre! Qui non puoi sopportare per qualche minuto un brutto sogno, ma ora per sempre -Dio non voglia- essere nel dolore. Ecco perché è meglio non andare all’inferno. Che ne dici?
– Per così tanto tempo, anziano, abbiamo lottato per non andare all’inferno, dici, per finire lì?
– Se non abbiamo una mente, andremo lì. Auguro a tutti o tutti in paradiso o nessuno all’inferno… Ho ragione? È molto pesante, dopo quello che Dio ha fatto per noi umani, andare all’inferno e provare compassione per Lui. Dio non voglia, non solo all’uomo, ma non a un uccello di non andare all’inferno.
Possa il buon Dio darci un buon pentimento, affinché la morte possa trovarci in un buono stato spirituale e che possiamo essere restaurati nel Suo Regno Celeste. Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses cookies to offer you a better browsing experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.