Grande Quaresima, marcia verso Pasqua

Prestato

La Quaresima è un viaggio, un movimento e un viaggio. Nessun periodo liturgico della nostra Santa Chiesa è caratterizzato dalla sua stagnazione. Alcuni possono vivere la stagione delle feste come una stagnazione e questo è dovuto alla nostra stessa condizione spirituale, che siamo stati privati della grazia dello Spirito Santo con conseguente morte spirituale.

Al contrario, la Quaresima, come ogni periodo festivo, è un movimento dinamico e un cammino che ha un inizio, una metà e una fine. Inizia il lunedì grasso, a metà è la domenica della crocifissione e termina poco prima della domenica della crocifissione (venerdì prima di Lazzaro).

Ὅταν κάποιος ξεκινάει γιὰ ταξνα ταξίδι θὰ πρέπει νὰ ξέρει ποῦ πηγαίνει.. Αὐτὸ συμβαίνει καὶ μὲ τὴ Μεγάλη Σαρακοστή. Πάνω ἀπ ὅλα ἡ μεγάλη σαρακοστὴ εἶναι ἕνα πνευματικὸ πνευματικὸ παξίδι ποὺ προορισμός του εἶναι τὸ πάσχα, ἑ ἑορτὴ ἑορτῶν ». Εἶναι ἡ προετοιμασία γιὰ τὴν «πλήρωση τοῦ Πάσχα, ποὺ εἶναι ἡ πραγμαάηλυκὴ οτλυϺὴ οτλυϺὴ ». Γιὰ τὸ λόγο αὐτὸ θὰ πρέπει νὰ ἀρχίσουμε μὲ τὴν προσπάθεια νὰ καταλάβουμε αὐτὴ τὴ σχέση ποὺ ὑπάρχει ἀνάμεσα στὴ Σαρακοστὴ καὶ τὸ Πάσχα, γιατὶ αὐτὴ ἀποκαλύει κάτι πολὺ οὐσιαστικὸ καὶ πολὺ σημαντικὸ γιὰ τὴ Χριστιανικὴ πίστη καὶ ζωή.

Ἄραγε εἶναι ἀπαραίτητο νὰ ἐξηγήσουμε ὅτι τὸ Πάσχα εἶναι κάτι πολὺ περισσότερο ἀπὸ μία γιορτή, πολὺ πέρα ἀπὸ μία ἐτήσια ἀνάμνηση ἑνὸς γεγονότος ποὺ πέρασε; ⁇ Καθένας πού, ἔστω καὶ μία μόνο φορά, ἔζησε αὐτὴ τὴ νύχτα «τὴ σωτήριο, τὴ φωταυγὴ καὶ λαμπροφόρο», ποὺ γεύτηκε ἐκείνη τὴ μοναδικὴ χαρά, τὸ ξέρει αὐτό.

Ἀλλὰ τί εἶναι αὐτὴ ἡ χαρὰ; Perché preghiamo nella liturgia della risurrezione: νῦν πάντα πεπλήρωται φωτός, οὐρανός τε καὶ γῆ καὶ τὰ καταχθόνια »? Μὲ ποιὰ ἔννοια ἑορτάζομεν »- καθὼς ἰσχυριζόμαστε ὅτι τὸ κάνουν – θανάτου τὴν νέκρωσιν, Ἅδου τὴν καθαίρεσιν ἄλλης βιοτῆς τῆς αἰωνίου ἀπαρχήν …;

Σὲ ὅλες αὐτὲς ὶὶς ἐρωτήσεις ἐ ἀπάντηση ἶἶναι: ἡ νἡα ζωὴ ἡ ὁποία πρὶὶ ἀπὸ Δυὸ χιλιάδες περίπου χρόνια ἀνέου χρόνια ἀνέου χρόνια ἀνέου χρόνια ἀνέττλεν ἐκ τοῦ τάφου » Μᾶς δόθηκε τὴ μέρα ποὺ βαφτιστήκαμε, τὴ μέρα δηλαδὴ ποὺ ὅπως λέει ὁ Ἀπ. Paolo:.

Ἔτσι τὸ πάσχα πανηγυρίζουμε τὴν ἀνάσταση τοῦ χριστοῦ σὰν γεγονὸὸς ποὺ ἔγινε καὶ ἀκόμη γίνεται σὲ μᾶς. Γιατὶ ὁ καθένας ἀπὸ μᾶς ἔλαβε τὸ δῶρο αὐτῆς τῆς αὐτῆς τῆς νέας ζωῆς καὶ τὴ Δύναμη νὰ τὴν ἀποδεχτεῖ καὶ ὰὰ ζζσει Διὰ ζὰσει διὰ μέσου της. Ἶἶναι ἕνα Δῶρο πἕὺὺὺζζζὰὰ ἀλλάζει τὴ ἀλλάζεσή μας ἀπέναντι ἀπέναντι σὲ κάθε κατάσταση αὐτοῦ τοῦ κόσμου, ἀκόμη καὶ ἀπέναντι ἀπέναντι σπέναντι στὸ θάνατο. Μᾶς dà τὴ δύναμη νὰ ἐπιβεβαιώνουμε θριαμβευτικὰ τό: νικήθηκε ὁ θάνατος ». Φυσικὰ ὑπάρχει ἀκόμα ὁ θάνατος, ἶἶναι σίγουρος, τὸν ἀντιμετωπίζουμε, καὶ κάπομε, καὶ κάποια μέρα ὰὰ ἔρθει καὶ γιὰ μᾶς. Ἀλλὰ ὅλη ἡ πίστη μας ἶἶναι .τι ὲὲ τὸ Δικό του θάνατο ὁ χριστὸς ἄλλαξε τὴ φύση ἀκριβῶς τοῦ θανάτου. Ὸὸν ἔκανε πέρασμα – πέρασμα – πιάβαι », πάσχα» – στὴ βασιλεία τοῦ θεῦῦῦ μεταμορώνοντας τὴ δραματικότερη τραγωδία σὲ αἰώνιο θρίαμβο, σὲ νίκη. Μὲ τὸ θανάτῳ θάνατον πατήσας », μᾶς ἔκανε μέτοχους τῆς Ἀνάστασής Του. Ἀκριβῶς γι αὐτὸ στὸ τέλος τοῦ ὄρθρου τῆς Ἀνάστασης – στὸν Κατηχητικὸ Λόγο τοῦ Ἰωάννου Χρυσοστόμου – λέμε θριαμβευτικά: Ἀνέστη Χριστός, καὶ ζωὴ πολιτεύεται. Ἀνέστη Χριστός, καὶ νεκρὸς οὐδεὶς ἐν τῷ μνήματι ».

ΤεττιΑ ἶἶναι ἡ πίστη τῆς ἐκκλησίας ἐκοὺ ἐπιβεβαιίνεται και φανερώνεται μὲ τὴ ζωὴ ῶῶν ἀναρίθμητων ἁγίων της. Ἀλλὰ μππως Δὲ ζοῦμε βράδυὰ ὸὸὸὸγγοὸς ὅτι αὐτὴ ἡ πίστη σπάνια γίνεται καὶ δική μας ἐμπειρία; Μήπως δὲ χάνουμε πολὺ συχνὰ καὶ δὲν προδίνουμε αὐτὴ τὴ νέα ζωὴ ποὺ λάβαμε σὰν δῶρο, καὶ στὴν κατάσταση ζοῦμε σὰν νὰ μὴν ἀναστήθηκε ὁ Χριστὸς καὶ σὰν νὰ μὴν ἔχει νόημα γιὰ μᾶς αὐτὸ τὸ μοναδικὸ γεγονὸς; Καὶ ὅλα αὐτὰ ἐξαιτίας τῆς ἀδυναμίας μας, τῆς ἀνκανότητάς μας νὰ ζοῦμε σταθερὰ μὲ πίστη ἐλπίδα καὶ ἀγάπη », στὸ ἐπίπεδο ἐκεῖνο ποὺ μᾶς ἀνέβασε ὁ Χριστὸς ὅταν εἶπε: Ζητεῖτε πρώτον τὴν Θεῦν Ἁπλούστατα ἐμεῖς ξεχνᾶμε ὅλα αὐτὰ γιατὶ εἴμαστε τόσο ἀπασχολημένοι, τόσο βυθισμένοι στὶς μέρεςὲς ἔγνοιες μας καὶ ἀκριβῶς ἐπειδὴ ξεχνᾶμε, ἀποτυχαίνουμε. Μέσα σ αὐτὴ τὴ λησμοσύνη, τὴν ἀποτυχία καὶ τὴν ἁμαρτία ἡ ζωή μας γίνεται ξανὰ παλαιὰ », εὐτελής, σκοτεινὴ καὶ τελικὰ χωρὶς σημασία, γίνεται ἕνα χωρὶς νόημα ταξίδι γιὰ ἕνα χωρὶς νόημα τέρμα. Καταφέρνουμε νὰ ξεχνᾶμε ἀκόμα καὶ τὸ θάνατο καὶ τέλος, ἐντελῶς αἰφνιδιαστικά, μέσα στὶς «ἀπολαύσεις τῆς ζωῆς» μᾶς ἔρχεται τρομακτικός, ἀναπόφευκτος, παράλογος. Μπορεῖ κατὰ καιροὺς νὰ παραδεχόμαστε τὶς ποικίλες ἁμαρτίες μας καὶ νὰ τὶς ἐξομολογούμαστε, ὅμως ἐξακολουθοῦμε νὰ μὴν ἀναφέρουμε τὴ ζωή μας σ ἐκείνη τὴ νέα ζωὴ ποὺ ὁ Χριστὸς ἀποκάλυψε καὶ μᾶς ἔδωσε. Πραγματικὰ ζοῦμε σὰν νὰ μὴν ἦρθε ποτὲ Ἐκεῖνος. Αὐτὴ εἶναι ἡ μόνη πραγματικὴ ἁμαρτία, ἡ ἁμαρτία ὅλων τῶν ἁμαρτιῶν, ἡ ἀπύθμενη θλίψη καὶ τραγωδία ὅλων τῶν κατ ὄνομα χριστιανῶν.

Ἂν ὸὸ ἀναγνωρίζουμε αὐτό, τότε μποροῦμε ὰὰ καταλάβουμε τί εἶναι τὸ πάσχa καὶ γιατὶ περισσότερα καὶ προϋποθέτει τὴ μεγάλη σαρακοστή. Γιατὶ τότε μποροῦμε νὰ καταλάβουμε ὅτι ἡ λειτουργικὴ παράδοση τῆς Ἐκκλησίας καὶ ὅλος ὁ κύκλος τῶν ἀκολουθιῶν της ὑπάρχουν , πρῶτα ἀπ ὅλα, γιὰ νὰ μᾶς βοήθειασουν νὰ ξαναβροῦμε τὸ ὅραμα καὶ τὴν γεύση αὐτῆς τὺς , νὰ μπορέσουμε νὰ μετανοήσουμε καὶ νὰ ξαναγυρίσουμε στὴν .κκλησία . Πῶς εἶναι δυνατὸν νὰ ἀγαπᾶμε καὶ νὰ ἐπιθυμοῦμε κάτι ποὺ δὲν τὸ ξέρο;μ Πῶς μποροῦμε ἂν βάλουμε πάνω ἀπὸ καθετὶ ἄλλο στὴ ζωή μας κάτι ποὺ ποτὲ Δὲν ἔἔουμε δεῖ καὶ Δὲν ἔἔομε χαρεῖ; Μὲ λόγλλα λόγια: πῶς μποροῦμε, πῶς εἶναι Δυνατὸν νὰ ἀναζζζὸσουμε μιὰ βασιλεία γιὰ τὴν ὁποία Δὲν ἔἔομε ἰΔέα; Ἡ λατρεία τῆς ἐκκλησίας ἦταν ἀπὸ ὴὴν ἀρὴὴ κὶὶ ἶἶναι ἀκόμα ἶἶναι ἀκόμα κἶΣὶ ώώρα ἡ ἴἴσοδος καὶ ἡ ἐπ se⁇ κονία μας μὲ τὴ νέα ζωὴ τῆς βασιλείας. Μέσα ἀπὸ τὴ λειτουργική της ζωὴ Ἐ κληκκλησία μᾶς ἀποκαλύει ἐκεῖνα ποὺ ὀφθαλμὸς οὐκ οἶδε καὶ οὖς οὐκ ἤκουσε καὶ ἐπὶ καρδίαν ἀνθρώπου οὐκ ἀνέβη, ἃ ἡτοίμασεν ὁ Θεὸς τοῖς ἀγατό »». Καὶ στὸ κέντρο αὐτῆς ῆῆς λειτουργικῆς ζωῆς, σὰν καρδιά της καρ μεσουράνημά μης – σὰν⁇ λιος ποὺ ἱ ἱ ἀκτίνες του Διαπερνοῦν καθετὶ – εἶναι τὸ πάσχα. Τὸ Πάσχα εἶναι ἡ πόρτα, ἀνοιχτὴ κάθε χρόνο, ποὺ ὁδηγεῖ στὴν ὑπέρλαμπρη Βασιλεία τοῦ Χριστοῦ, εἶναι ἡ πρόγευση τῆς αἰώνιας χαρᾶς ποὺ μᾶς περιμένει , εἶναι ἡ δόξα τῆς νίκης ὸ τώρα πποία ἀπ ‘ ».

Ὁλόκληρη ἡ λατρεία τῆς Ἐκκλησίας εἶναι ὀργανωμένη γύρω ἀπὸ τὸ Πάσχα, γι αὐτὸ καὶ ὁ λειτουργικὸς χρόνο, δηλαδὴ ἡ διαδοχὴ τῶν ἐποχῶν καὶ τῶν ἑορτῶν, γίνεται ἕνα ταξίδι, ἕνα προσκύνημα στὸ Πάσαι! Εἶναι τὸ τέλος ὅλων αὐτῶν ποὺ ἀποτελοῦν τὰ παλαιὰ »καὶ ὴ ἀρχὴ τῆς«νέας ζωῆς», μιὰ συνεχὴς« διάβδο ἀπὸ τὸν «κόσμο τοῦτο» στὴν Βασιλεία ποὺ ἔχει ἀποκαλυφτεῖ ἐν Χριστῷ.

Παρ ὅλα αὐτὰ ἡ παλαιὰ »ζωή, ἡ ζωὴ ῆῆς ἁἁαρτίας καὶ ἁῆῆς μικρότητας μικρότητας, δὲν εἶναι ε⁇ κολο ὰὰ ξπεραλο ῖ καὶ ν ἀλλάξει. Τὸ Εὐαγγέλιο περιμένει καὶ ζητάει ἀπὸ τὸν ἄνθρωπο νὰ κάνει μιὰ προσπάθεια. Ίαποία, στὴν κατάσταση ποὺ βρίσκεται τώρα ὁ θρωνθρωπος, εἶναι οὐσιαστικὰ ἀπραγματοποίητη. Siamo di fronte a una sfida. Ὸὸ ὅραμα, ὁ στόχος, ὁ τρόπος ῆῆς νέας ζωῆς ἶἶναι γιὰ ᾶᾶς μία πρόκληση ποὺ βρίσκεται τόσο πολὺ πάνω ἀπὸ τὶς δύνατητές μας!

Γι αὐτό, ἀκόμα καὶ ἱἱ σὅανολοι, ὅταν ἄκουσαν ταὴ διδασκαλία τοῦ κυρίου τὸν ρώτησαν ἀπελπισμένα: τὶς ἄρα Δύναται ἄρα Δύναται σωθῆναι; (Matteo 19:26). Mp verità non è facile n rinunciare a una vita ideale banale fatta di cure quotidiane, recupero dei beni materiali, sicurezza e godimento e accettare un’altra vita ideale che ovviamente non manca di perfezione nel suo scopo: ye τέλειοι ὡς ὁ Πατὴρ ἡμῶν ἐν οὐρανοῖς τέλειος ἐστίν. Αὐὐὸ ὁ κόσμος μὲ ὅλα του ὰὰ μέσα »ᾶᾶς λέει: ὰὰ ἶἶσαι χαρούμενος, μὴν ἀνησυχῖῖς, ἀκολούθα τὸν« ὐὐρὺ »δρόμο. ⁇ Χριστὸς στὸ εὐαγγέλιο λέει: Διάλεξι τὸ στενὸ δρόμο, ἀγωνίσου καὶ ὑπόφερε, γιατὶ αὐτὸς ἶἶναι ὁ Δρόμος γιὰ τὴ μόνη ἀληθινὴ ὐὐτυχία. Καὶ ἂν ἡ κληκκλησία δὲν βοηθάει πῶς θὰ μπορέσουμε νὰ κάνουμε ὰὰ κάνουμε αὐτὴ τὴ φοβερὴ ἐκλογὴ; Πῶς μποροῦμε νὰ μετανοήσουμε καὶ ὰὰ ξαναγυρίσουμε στὴν ὑπέρρηηηὑὑόεερρρηη ὑπόσχεση ποὺ ᾶᾶς Δίνεται κάθε χρόνο ὸὸ πάσχα; Ἀκριβῶς αὐτὴ εἶναι ἡ στιγμὴ ποὺ ἐμφανίζεται ἡ Μεγάλη Σαρακοστή. Αὐτὴ εἶναι ἡ χείρα βοηθείας »ποὺ ἁπλώνει σὲ μᾶς ἡ Ἐκκλησία. Εἶναι τὸ σχολεῖο τῆς μετάνοιας ποὺ θὰ μᾶς δώσει δύναμη νὰ δεχτοῦμε τὸ Πάσχα ὄχι σὰν μιὰ ἁπλὴ εὐκαιρία νὰ φᾶμε, νὰ ποιοῦμε, ν ἀναπαυτοῦμε, ἀλλά, βασικά, σὰν τὸ τέλος τῶν «παλαιῶν» με μας μας ὺ εἶ μας .

Στὴν ἀρχαία Ἐκκλησία ὁ βασικὸς σκοπὸς τῆς Σαρακοστῆς ἦταν νὰ προετοιμαστοῦν οἱ Κατηχούμενοι, δηλαδὴ οἱ νέοι ὑποψηφιοι χριστιανοί, γιὰ τὸ βάπτισμα πού, ἐκεῖνο τὸν χρόνο, γίνονταν Λὴ διάρκεια τῆς. Ἀλλὰ ἀκόμα καὶ τώρα ποὺ Ἐ κληκκλησία δὲν βαφτίζει πιὰ τοὺς χριστιανοὺς σὲ μεγάλη ἡλικία καὶ ὁ θεσμὸς τῆς κατήχησης δὲν ὑπάρχει πιά, τὸ βασικὸ νόημα τῆς Σαρακοστῆς παραμένει τὸ .διο. Per, ἂν καὶ ἴἴμαστε βαφτισμένοι, ἐκεῖνο ποὺ σκεῖῖῶῶς χάνουνε καὶ προδίνουμε εἶναι ἀκριβῶς αὐτὸ ποὺ λάβαμε στὸ βάπτισμα. Ἔτσι τὸ Πάσχα γιὰ μᾶς εἶναι ἡ ἐπιστροφή, ποὺ κάθε χρόνο κάνουν, στὸ βάπτισμά μας καὶ ἑπομένως ἡ Σαρακοστὴ εἶναι ἡ προετοιμασία μας γι αὐτὴ τὴν ἐπιστροφὴ – ἡ ἀργὴ ἀλλὰ ἐπίμονη προσπάθεια νὰ γεγονποιήσουμε τελικὰ τὴ »νέα ἐν Χριστῷ ζωή. Τὸ, τι, καθὼς θὰ δοῦμε, οἱ ἀκολουθίες στὴ σαρακοτίεςνὴ λατρεία διατηροῦν ἀκόμα καὶ σήμερα τὸν κατηχητικὸ καὶ βαπτιστικὸ δημιουργρα, δὲν εἶναι γιατὶ διατηροῦνται «ἀρχαιολογικὰ» ἀπομεινάρια, ἀλλὰ εἶναι κάτι τὸ ζωήτικ. Γι αὐτὸ κάθε χρόνο ἡ Μεγάλη Σαρακοστὴ καὶ τὸ Πάσχα εἶναι, μιὰ ἀκόμα φορά, ἡ ἀνακάλυψη καὶ ἡ συνειδητοποίηση τοῦ τί γίναμε μὲ τὸν «διὰ βαπτίσματός» μας θάνατο καὶ τὴν ἀνάσταση.

Un viaggio, un pellegrinaggio! Καθὼς τὸ ἀρχίζουμε, καθὼς κάνουμε τὸ πρῶτο ῆῆμα στὴ χαρμολύπη »ῆῆς μεγάλης σαρακοστῆς βλέπουμε – κοντά, πολὺ μακριὰ – ὸὸν παρουσία. Εἶναι ἡ χαρὰ τῆς Λαμπρῆς, εἶναι ἡ εἴσοδος στὴ δόξα τῆς Βασιλείας. Ἶἶναι αὐτὸ τὸ ὅραμα, ἡ πρόγευση τἡῦ πάσχα, ποὺ πάνει τὴ ύύπη τῆς μὴγάλης σαρακοστῆς χαρά, φῶς, καὶ τὴ δική μας προσπάθεια πρὰὰ πνευματικὴ πνοιξηιὴὴ πνοιξη ». ⁇ Գիշ τα μἶἶἶῖ ὰὰ ἶἶναι ὰὰοειὴὴ καὶ μεγάλη, ἀλλὰ σὲ ὅλο τὸ μῆκος τὅῦ Δρόμου τὰὰ Δρόμου μὰὰ μἀυστικὴ καὶ ἀκτινοβόλα Αὐὐὴὴ φαίνεται νὰ λάμπεται νὰ λάμπει στὸν ὁρίζοντα. Μὴ καταισχύνῃς ἡμᾶς ἀπὸ τῆς προσδοκίας ἡμῶν, Φιλάνθρωπε! ”

Quando si inizia un viaggio si dovrebbe sapere dove si sta andando. Questo è anche il caso della Quaresima. La Quaresima è soprattutto un cammino spirituale la cui meta è la Pasqua, la “Festa delle Festività”. È la preparazione al “riempimento della Pasqua, che è la vera Rivelazione”. Ecco perché dovremmo iniziare cercando di capire questo rapporto tra Quaresima e Pasqua, perché rivela qualcosa di molto essenziale e molto importante per la nostra fede e vita cristiana.

È necessario spiegare che la Pasqua è molto più di una celebrazione, molto più di un ricordo annuale di un evento che è passato? Tutti coloro che, anche una volta, hanno vissuto questa notte “salvezza, illuminazione e splendore”, che hanno assaporato quella gioia unica, lo sanno.

Ma cos’è questa gioia? Perché cantiamo nella liturgia della risurrezione: “Ora la luce è sempre piena, cielo e terra e gli abissi”? In che senso “festeggiamo” – come affermiamo di fare – “la necrosi della morte, l’Inferno, l’espulsione di un’altra vita di eterno inizio…”?

La risposta a tutte queste domande è: a noi, a tutti coloro che credono in Cristo, è stata offerta la vita nuova che, circa duemila anni fa, «è risorto dalla tomba». Ci è stato dato il giorno in cui siamo stati battezzati, cioè il giorno che come Ap. Paolo: «… perché siamo battezzati fino alla morte, perché Cristo risuscita dai morti per la gloria del Padre;

Così a Pasqua celebriamo la risurrezione di Cristo come un evento accaduto e ci accade ancora. Perché ognuno di noi ha ricevuto il dono di questa nuova vita e il potere di accoglierla e viverla. È un dono che cambia radicalmente il nostro umore di fronte a qualsiasi situazione di questo mondo, anche di fronte alla morte. Ci dà la forza di confermare trionfalmente che “la morte è stata sconfitta”. Certo che c’è ancora la morte, è certo, la affrontiamo, e un giorno arriverà per noi. Ma tutta la nostra fede è che con la Sua stessa morte Cristo ha cambiato la natura stessa della morte. Lo ha fatto passare – “passaggio”, Pasqua “- al Regno di Dio, trasformando la tragedia più drammatica in eterno trionfo, in vittoria. Con “la morte hai calpestato la morte”, ci ha resi partecipi della sua risurrezione. Ecco perché alla fine dell’ortografia della Risurrezione – nel Catechismo di Giovanni Crisostomo – diciamo trionfanti: «Cristo è risorto e la vita è governata. Cristo è risorto e nessuno è morto nella memoria».

Tale è la fede della Chiesa che è confermata e rivelata dalla vita dei suoi innumerevoli santi. Ma non viviamo ogni giorno il fatto che questa fede raramente diventa la nostra stessa esperienza? Non perdiamo e tradiamo spesso questa nuova vita che abbiamo ricevuto in dono, e infatti viviamo come se Cristo non fosse risorto e come se questo evento unico non avesse significato per noi? E tutto questo a causa della nostra incapacità, della nostra incapacità di vivere fermamente con fede, speranza e amore, al livello a cui Cristo ci ha elevati quando ha detto: “Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia”. Dimentichiamo semplicemente tutto questo perché siamo così occupati, così immersi nelle nostre preoccupazioni quotidiane e solo perché dimentichiamo, falliamo. In questa dimenticanza, fallimento e peccato, la nostra vita diventa di nuovo “vecchia”, a buon mercato, oscura e infine priva di significato, diventa un viaggio senza senso per una fine senza senso. Riusciamo a dimenticare anche la morte e finalmente, del tutto inaspettatamente, nei “piaceri della vita” arriva uno spaventoso, inevitabile, irrazionale. A volte possiamo ammettere i nostri vari peccati e confessarli, ma ancora non rimandiamo la nostra vita a quella nuova vita che Cristo ci ha rivelato e donato. Viviamo davvero come se non fosse mai venuto. Questo è l’unico vero peccato, il peccato di tutti i peccati, il dolore e la tragedia senza fondo di tutti i cristiani nominati.

Se lo riconosciamo, allora possiamo capire cos’è la Pasqua e perché è necessaria e presuppone la Quaresima. Perché allora possiamo comprendere che la tradizione liturgica della Chiesa e l’intero ciclo dei suoi servizi esistono, prima di tutto, per aiutarci a riscoprire la visione e il gusto di questa nuova vita, che tanto facilmente perdiamo e tradiamo, e poi per possiamo pentirci e tornare alla Chiesa. Come è possibile amare e desiderare qualcosa che non conosciamo? Come possiamo mettere al di sopra di ogni altra cosa nella nostra vita qualcosa che non abbiamo mai visto e di cui non siamo felici? In altre parole: come possiamo, come è possibile cercare un Regno di cui non abbiamo idea? Il culto della Chiesa è stato fin dall’inizio ed è ancora oggi il nostro ingresso e comunicazione con la nuova vita del Regno. Attraverso la sua vita liturgica, la Chiesa ci rivela coloro che «l’occhio non ha visto e l’orecchio non ha udito e non è salito al cuore dell’uomo, ma Dio ha preparato coloro che lo amano» (Cor 2,9). E al centro di questa vita liturgica, come il suo cuore e la sua mezzanotte – come il sole i cui raggi penetrano ogni cosa – c’è la Pasqua. La Pasqua è la porta, ogni anno aperta, che conduce al Regno glorioso di Cristo, è il gusto della gioia eterna che ci attende, è la gloria della vittoria che d’ora in poi, seppur invisibile, inonda tutto il creato: la morte è vinta ».

Tutto il culto della Chiesa si organizza intorno alla Pasqua, per questo il tempo liturgico, cioè il susseguirsi dei tempi e delle feste, diventa un cammino, un pellegrinaggio verso la Pasqua, che è la fine e che è insieme l’inizio. È la fine di tutto ciò che è “vecchio” e l’inizio della “vita nuova”, un passaggio continuo da “questo mondo” al regno rivelato in Cristo.

Tuttavia, la “vecchia” vita, la vita del peccato e della piccolezza, non è facile da superare e cambiare. Il Vangelo attende e chiede all’uomo di compiere uno sforzo che, nella situazione in cui si trova ora l’uomo, è sostanzialmente inappagato. Siamo di fronte a una sfida. La visione, l’obiettivo, il modo di una nuova vita è per noi una sfida che è molto al di là delle nostre capacità!

Per questo anche gli Apostoli, quando hanno ascoltato l’insegnamento del Signore, gli hanno chiesto disperatamente: “Possono allora essere salvati?” (Matteo 19:26). Infatti, non è affatto facile rinunciare a un insignificante ideale di vita fatto con la cura quotidiana, con la ricerca dei beni materiali, con sicurezza e godimento e accettare un altro ideale di vita che, certo, non è privo di perfezione nella sua scopo: Diventa perfetto come è perfetto il nostro Padre nei cieli. Questo è ciò che ci dice il mondo con tutti i suoi “mezzi”: sii felice, non ti preoccupare, io seguo la via “ampia”. Cristo nel Vangelo dice: scegli la via angusta, sforzati e soffri, perché questa è la via dell’unica vera felicità. E se la Chiesa non aiuta, come possiamo fare questa scelta terribile? Come possiamo pentirci e tornare alla meravigliosa promessa che ci viene data ogni anno a Pasqua? Questo è esattamente il momento in cui appare la Quaresima. Questa è la mano amica «che la Chiesa ci tende. È la scuola del pentimento che ci darà la forza di accettare la Pasqua non come semplice occasione per mangiare, bere, riposare, ma, in fondo, come fine del “vecchio” che è dentro di noi e come nostro ingresso nel nuovo .

Nella Chiesa antica, lo scopo principale della Quaresima era preparare i Catecumeni, cioè i nuovi candidati cristiani, al battesimo che, in quel tempo, avveniva durante la Divina Liturgia della risurrezione. Ma anche ora che la Chiesa non batte più i cristiani fino alla vecchiaia e l’istituto del catechismo non esiste più, il significato fondamentale della Quaresima rimane lo stesso. Perché, nonostante siamo battezzati, ciò che costantemente perdiamo e tradiamo è esattamente ciò che abbiamo ricevuto nel Battesimo. Quindi la Pasqua per noi è il ritorno, che facciamo ogni anno, al nostro battesimo e quindi la Quaresima è la nostra preparazione a questo ritorno, lo sforzo lento ma persistente per fare finalmente il nostro “passaggio”, la nostra “Pasqua” nella nuova vita in Cristo. Il fatto che, come vedremo, le sequenze del culto quaresimale conservano ancora oggi il loro carattere catechistico e battesimale, non è perché si conservino resti “archeologici”, ma è qualcosa di vivo ed essenziale per noi. Ecco perché ogni anno la Quaresima e la Pasqua sono, ancora una volta, la scoperta e la realizzazione di ciò che siamo diventati con il nostro “battesimo” morte e risurrezione.

Un viaggio, un pellegrinaggio! All’inizio, mentre facciamo il primo passo nella “beatitudine” della Quaresima, vediamo – molto, molto lontano – la destinazione. È la gioia del Brillante, è l’ingresso alla gloria del Regno. È questa visione, il sapore della Pasqua, che fa del dolore della Quaresima gioia, luce, e del nostro stesso sforzo una “primavera” spirituale. La notte può essere buia e lunga, ma lungo tutta la strada un’alba segreta e radiosa sembra brillare all’orizzonte. “Non travolgerci con le nostre aspettative, filantropo!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses cookies to offer you a better browsing experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.